“Cammin’abile”, in carrozzella nel cammino di Santiago

FIRENZE – Una mostra nella Limonaia di Palazzo Medici Riccardi dal 23 al 30 settembre 2019
‘Cammin’abile’ sul cammino per Santiago è una mostra fotografica, a cura dell’Associazione Toscana Idrocefalo e Spina Bifida, che sarà aperta dal 23 al 30 settembre 2019, nella Limonaia di Palazzo Medici Riccardi, con il patrocinio della Città Metropolitana di Firenze.
L’ Atisb, Associazione Toscana Idrocefalo e Spina Bifida, riunisce le famiglie della Toscana e di altre regioni nel cui nucleo è presente un portatore di Spina Bifida, rara patologia prenatale, che consiste nella mancata chiusura, nelle prime settimane di gravidanza, di alcuni anelli della colonna vertebrale.
Essendo non curabile, tutti gli interventi medici e sociali sono mirati ad assicurare la migliore “qualità di vita” possibile nell’intero arco dell’esistenza. L’Associazione ha lo scopo di promuovere le attività, in sede medica e scientifica, di prevenzione, cura e riabilitazione attinenti la patologia ma, altrettanto importante, è favorire l’inserimento e la valorizzazione sociale dei pazienti e delle loro famiglie, per una “cultura dell’handicap” non più pensata per “sottrazione” (ciò che non si può fare.), bensì come risorsa della collettività. Numerose le attività e le iniziative intraprese dall’Associazione, spesso tese a osare. dove tutto, o quasi, diventa possibile.
In questo ambito si inserisce la sfida del Cammino di Santiago, il cuore oltre l’ostacolo: “Un progetto ambizioso – spiegano all’Atisb – Condurre disabili motori lungo il Cammino, attraversando la Galizia rigorosamente a piedi o in carrozzella: un progetto, un sogno realizzato”.

L’apertura è fissata lunedì 23 settembre, alle ore 17. Ingresso gratuito. Orari: mattino 10-12; pomeriggio 15-18.

”’In allegato”’: il depliant-pieghevole della mostra

Città Metropolitana di Firenze

http://met.cittametropolitana.fi.it/news.aspx?n=297478

Precedente A chi non interessa dare i TASER, promessi da mesi e mai arrivati ai poliziotti? Successivo CHL acquisizione Aplos

Lascia un commento