CHL: operazione Aplos, superata la clausola sospensiva via libera all’operazione di acquisizione

FIRENZE – CHL S.p.A.: – Superata la clausola sospensiva e modificato l’accordo di investimento relativo all’acquisizione di almeno il 51% del capitale di Aplos S.p.A. Rinuncia all’incarico di Consigliere da parte del dottor Angiolo Vedovini

Firenze, 19 novembre 2019 Con riferimento all’accordo (l'”Accordo di Investimento”) relativo all’acquisto da parte di CHL S.p.A. (“CHL” o l'”Emittente”) di una partecipazione (la “Partecipazione”) di almeno il 51% del capitale sociale della società Aplos S.p.A. (“Aplos”), sottoscritto in data 23 settembre 2019 (come già comunicato al mercato), l’Emittente rende noto che in conseguenza delle risultanze della relazione di stima ex art. 2343-ter, comma 2, lettera b) c.c. (la “Relazione di Stima”), resa dall’esperto indipendente PKF Italia S.p.A. (l'”Esperto Indipendente”) relativamente al valore di Aplos, è stato determinato il nuovo prezzo dell’acquisizione, modificato l’accordo di investimento, superata la clausola sospensiva e fissato il termine del 30 aprile 2020 per l’approvazione da parte dell’Assemblea straordinaria di CHL dell’aumento di capitale a servizio del conferimento Aplos. In data odierna, infatti, l’Emittente ha sottoscritto con i “Soci Storici” di Aplos – GM S.r.l., GSG S.r.l., Stefano Ribaldi, Stefano Sarcina Staffa (i “Soci Storici Aplos”) – un addendum modificativo dell’Accordo di Investimento (l'”Addendum”). La Relazione di Stima ha evidenziato un valore per azione Aplos pari a Euro 18,994, inferiore di oltre Euro 4 rispetto al valore convenzionalmente attribuito dalle parti nell’Accordo di Investimento pari ad Euro 24 (il “Valore Convenuto”). Come meglio descritto nel comunicato pubblicato in data 24 settembre 2019, il fatto che, all’esito della Relazione di Stima dell’Esperto Indipendente il valore per azione Aplos fosse risultato inferiore di oltre 4 Euro, rispetto al Valore Convenuto, costituiva condizione sospensiva per la realizzazione dell’operazione di cui all’Accordo di Investimento. Ciò premesso – avendo l’Emittente e i Soci Storici Aplos valutato il permanere dell’interesse alla creazione di sinergie commerciali e di una realtà industriale che raccolga il business sviluppato da Aplos e dal Gruppo CHL – le stesse parti hanno deciso di addivenire alla stipula dell’Addendum, il quale prevede, in primis, la rinunzia alla sopracitata condizione sospensiva nonché la modifica del Valore Convenuto da Euro 24 ad Euro 18,994 come risultante dalla Relazione di Stima. Tenendo conto del nuovo valore convenzionalmente individuato dalle parti in Euro 18,994 ad azione Aplos e fermo restando quanto di seguito, il controvalore dell’operazione è ora ricompreso tra un minimo di Euro 1.249.444,31, nel caso in cui fossero conferite n. 65.781 azioni Aplos pari al 51% del relativo capitale sociale, ed un massimo di Euro 2.449.992,10, nel caso in cui fossero conferite n. 128.984 azioni Aplos, pari al 100% del relativo capitale sociale.

68083106-1
Società quotata al Mercato Telematico azionario di Borsa Italiana
CHL S.p.A., società che opera nel settore dell’Information Technology con la fornitura alle aziende di servizi altamente performanti tramite la propria piattaforma proprietaria tecnologicamente avanzata 2

Infine, le parti hanno convenuto che, qualora fosse necessario aggiornare ulteriormente la Relazione di Stima, il conferimento della Partecipazione verrà effettuato ad un valore per azione Aplos non superiore a quello risultante dalla Relazione di Stima come aggiornata, a condizione che tale valore non si discosti di oltre il 10% (in eccesso o in difetto) dal Valore Convenuto come modificato dall’Addendum, fermo restando che in caso di scostamenti eccedenti tale soglia, le Parti concorderanno in buona fede se procedere o meno all’esecuzione dell’operazione. Le parti hanno altresì convenuto che, il termine per l’approvazione da parte dell’Assemblea straordinaria di CHL, chiamata a deliberare sull’aumento di capitale a servizio del conferimento di Aplos, sia fissato entro il 30 aprile 2020. *** Il Consiglio di Amministrazione ha preso atto, inoltre, della volontà manifestata, in data 18 novembre 2019, dal dottor Angiolo Vedovini, Consigliere indipendente e Presidente del Comitato per il Controllo sulla Gestione, di rinunciare all’incarico di Consigliere della società CHL S.p.A. per motivi esclusivamente professionali. Il dottor Angiolo Vedovini non detiene partecipazioni azionarie della società CHL e non è prevista alcuna indennità per la cessazione della carica. L’Emittente, ringraziando il dottor Vedovini per il contributo fornito durante i passati mesi in carica, si è prontamente attivata per la sostituzione, di cui verrà data comunicazione al mercato con le modalità e nei termini di legge e regolamento.

Precedente Convocazione assemblea della partecipata Terra Successivo Mamme no Inceneritore: "La verità?" In Toscana è imposta da stampa, politica e imprese

Lascia un commento