CHL Sp.A.: deliberato l’esercizio addizionale dei Warrant

FIRENZE – In Cda Colombino subentra a Cacioli che assisterà legalmente la società
Migliora l’Indebitamento finanziario netto di quasi mezzo milione

Il Consiglio di amministrazione di CHL ha deliberato l’apertura di un periodo di esercizio addizionale, dal 1 novembre al 15 novembre 2019 (estremi compresi), dei “Warrant Azioni Ordinarie CHL 2018-20121) assegnati gratuitamente ai sottoscrittori dell’aumento di capitale della Società conclusosi lo scorso 31 dicembre nel rapporto di 1 (uno) Warrant ogni 1 (una) azione ordinaria CHL.

Il prezzo di esercizio dei Warrant sarà individuato e calcolato nei 15 (quindici) giorni di mercato aperti antecedenti l’Avvio del periodo di Esercizio Addizionale e verrà comunicato al pubblico l’ultimo giorno della rilevazione.

Le richieste di sottoscrizione delle azioni ordinarie CHL di compendio dovranno essere effettuate, dai portatori dei Warrant, per il tramite Monte Titoli Spa attraverso il pagamento contestuale e integrale del prezzo di esercizio.

La decisione di aprire una sezione straordinaria per esercizio dei Warrant è stata presa anche in funzione del fatto che l’ultima finestra non è stata aperta per la concomitanza con il periodo riservato all’Aumento di Capitale Sociale, sottoscritto integralmente e chiuso il 5 settembre, entro i termini previsti.

Inoltre il Cda di CHL ha preso atto della volontà dell’avvocato Cacioli di rinunciare all’incarico di Consigliere “in virtù dei mutati scenari industriali che vedono impegnato il Gruppo in acquisizioni strategiche e nell’allargamento della compagine sociale a soggetti con cui CHL sta definendo sinergie industriali e commerciali” e pertanto la sua figura professionale può essere di maggior supporto alla Società in qualità di consulente legale esterno.

In virtù di questo, Cristiana Colombino, esperta in attività di marketing e di gestione operativa di reti commerciali, è stata nominata Consigliere di CHL e resta in carica fino alla prossima assemblea degli azionisti.

Infine, in relazione alle comunicazioni obbligatorie ai sensi dell’art.114, la Società prende atto che l’Indebitamento Finanziario Netto di Gruppo migliora di 449 mila euro. Questo dato beneficia dell’integrale sottoscrizione dell’Aumento di Capitale Sociale i cui maggior effetti si vedranno nei dati relativi al 31 settembre ( il 5 settembre è stato chiuso anticipatamente l’Aucap con l’integrale sottoscrizione di euro 1.454.176,87)

Precedente Entro il 2022 quasi il 90% delle auto avrà un sistema infotainment Successivo Grosseto: all'AFFINITY CAFE' Masterclass sul gin Italiano