Il libro sulla pasta di Patrizia Gallotti disponibile in edicola e in libreria

FIRENZE – Alla sua versatilità, alla possibilità di gustarla con infiniti sapori, ma anche alla semplicità e rapidità nella preparazione, la pasta italiana deve senz’altro la sua grande fortuna.

A questo universo praticamente infinito Patrizia Gallotti, Accademica della Cucina, ha dedicato un nuovo volume dal titolo “Pasta. Ricette scelte dalla migliore tradizione italiana” che le Edizioni Giacché hanno pubblicato in edizione illustrata con foto a colori professionali dei piatti e delle fasi di preparazione, introducendoci in un mondo in cui si può spaziare da quelli tipici, popolari alle varianti ricercate “in abito da sera”.

Il libro si apre con una breve introduzione rivolta al grande pubblico, anche straniero (il volume è stato infatti realizzato anche in versione francese, inglese e tedesca) sulle origini antiche della pasta, dal neolitico agli Etruschi, ai Greci e ai Romani. Nel Medioevo, poi, fiorirono le botteghe artigiane dei pastai, nel XIII secolo sorsero i pastifici e nel XIV secolo esistevano già le Corporazioni dei Pastai.

Senza trascurare le qualità nutrizionali, le varietà e le indicazioni per la cottura “al dente”, il libro passa in rassegna più di 100 ricette, valorizzando i prodotti dop italiani necessari per la preparazione, raccontandoci anche alcune storie legate ai piatti tradizionali, e sottolineandone la tipicità, come nel caso degli spaghetti alla Luciana o dei bucatini all’amatriciana, o evidenziando le caratteristiche di ingredienti di pregio come per il guanciale nella pasta alla Gricia.

Partendo dalla pasta secca con tutte le sue varianti di forma liscia e rigata, sfilano sotto i nostri occhi piatti semplici come gli spaghetti al limone o le penne al basilico ed altri che richiedono una maggior dedizione, come la carbonara o lo sformato di pasta ai funghi.

Nella sezione sulla pasta fresca, in cui non manca una parentesi sulla preparazione della pasta colorata, troviamo oltre alle indicazioni per fare la pasta, altri piatti gustosi con sughi prelibati provenienti da ogni regione, dai pizzoccheri alle tagliatelle al ragù, dalle orecchiette alle cime di rapa, alle trofie al pesto.

In un crescendo di gusti e sapori troviamo la pasta ripiena, la più impegnativa, in cui cimentarsi con vere e proprie specialità gourmet come i cappellacci al nero di seppia o i ravioli alla crema di tartufo, i pansotti in salsa di noci o i fagottini di asparagi con salsa allo zafferano.

Sul finale il libro ci presenta alcune ricette alternative alla pasta come i passatelli o gli gnocchi alla romana e si chiude con un utilissimo glossario culinario che spiega nel dettaglio le tante modalità di cottura degli ingredienti.

Un ricco carnet gastronomico che è un invito a riscoprire prodotti nostrani e piatti genuini, tradizionali ma anche adatti al nostro gusto.

Una guida pratica ed essenziale di 128 pagine tutte a colori, ricca di idee allegre e invitanti ideali per tutti i gusti, con le immagini-guida per preparare il nostro piatto, in vendita nelle librerie e in edicola al prezzo di lancio di 9,90 euro.

Precedente Giornata mondiale dell'epatite Successivo Luoghi abbandonati volume 2 disponibile in edicola