Il Senatore Totaro (FDI) ha presentato un’interrogazione sull’Istituto Agronomico d’oltremare di Firenze

COMUNICATO STAMPA – Il Senatore Totaro (FDI) ha presentato un’interrogazione sull’Istituto Agronomico d’oltremare di Firenze Il Senatore Achille Totaro ha presentato un’interrogazione al Ministro Affari Esteri Moavero Milanesi e al Ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli sull’Istituto Agronomico d’oltremare, unimportante istituzione con sede a Firenze in un palazzo storico di grande rilievo storico ed artistico esempio di architettura razionalista con un importantissimo Giardino Tropicale.Dal 1 gennaio 2016 è stata istituita l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo ed un suo ufficio è stato posto all’interno di questa struttura. Ad oggi questa struttura sembra quasi inutilizzata se si esclude la parte giardino aperta come percorso museale, utilizzabile solo su prenotazione, quindi riservato, come anche le visite alla parte storica del palazzo ad un ristretto numero di appassionati o addetti ai lavoriNella struttura ha sede la più importante e fornita biblioteca d’Europa in ambito tropicale e subtropicale, oltre ad un Museo, oggi in sostanziale disuso, di importanti reperti e testimonianze dell’attività di cooperazione italiana dell’intero XX secolo;Sempre all’interno della struttura vi è una foresteria di recente edificazione comprensiva di mensa con diverse camere con bagno, anch’essa scarsamente utilizzata.L’istituto agronomico per l’Otremare, pur avendo nel corso della sua centenaria attività vissuto momenti di scarsa funzionalità, è stato per il Ministero degli Affari Esteri un eccellente organo tecnico scientifico di assoluta unicità. Per mezzo dell’istituto infatti era possibile sviluppare progetti di cooperazione ambientale e agricola italiani in via diretta senza dovere transitare, come oggi accade, per tramite degli organi Onu soggetti nei quali, vista la loro vastità, spesso si disperdono le risorse investite o quanto meno se ne vedano meno direttamente i frutti. Il tema della cooperazione nei paesi in via di sviluppo è oggi quanto mai d’attualità visti i problemi connessi all’immigrazione di massa e non controllata verso il nostro paese.Il Senatore Totaro ha chiesto quali iniziative intendano prendere per valorizzare questa bellissima istituzione che tanto ha dato alla storia del nostro paese; cosa si intenda fare per valorizzare la biblioteca e il giardino Tropicale, il Museo dell’Istituto, la foresteria e la prestigiosa Aula Magna presenti nel complesso immobiliare che altrimenti rischiano deperimento e dispersione.Infine ha chiesto se non si ritenga opportuno, nell’ambito della rinnovata Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, rinnovare l’attività nella sede fiorentina nel solco della tradizione dell’Istituto Agronomico per l’Oltremare e in subordine, se non sia opportuno decentrare alcune attività del Ministero degli Affari Esteri nella sede di Firenze.

Precedente 4 Novembre : Forza Nuova Lucca alla Marcia dei Patrioti a Roma Successivo Riflessioni e spunti sulla poesia di Mario Agnoli